L’ oriente in casa

 L’ Oriente in casa
In questi anni tecnologia, high-tech e innovazione sono cardini della vita moderna, in cui l’ uomo si serve di nuovi strumenti all’ avanguardia per lavorare, comunicare e divertirsi.
Ma spesso, la realtà si confonde con quella virtuale con l’ effetto di mettere in secondo piano la vera essenza di una vita appagante e serena. Conseguente è la riscoperta di filosofie orientali che invitano alla meditazione con tecniche di rilassamento, mirate alla ricerca di nuovi equilibri interiori. L’ influenza orientale si allarga perfino all’ architettura e all’ arredamento con soluzioni proposte da brand che con talento hanno saputo fondere il gusto di antica origine al design più moderno.
Le abitazione progettate in linea con la filosofia zen, rispecchiano la ricerca di un’ armonia interna con il proprio corpo e un’ armonia esterna con la natura.

                                                                                                                                                                                                         

Così la struttura della casa, quadrata o rettangolare predilige luoghi verdi con giardini ben curati, con vialetti in ciottoli bianchi, arricchiti da fontane e getti d’ acqua che creano un’ atmosfera distensiva e rilassante.
Si scelgono grandi finestre, vetrate che spesso sostituiscono le pareti proprio per facilitare la corrispondenza con l’ esterno, rafforzando il prezioso legame uomo-natura.
L’ interno spesso si basa sul Feng Shui, la filosofia taoista cinese che analizza i flussi di energia positiva e negativa negli ambienti.
Si preferiscono grandi open space, con linee pulite, semplici, suddivisi da paravento, tutto in materiali naturali come il legno o il bambù.

 


Per non porre ostacoli al flusso di energia positiva i mobili sono minimal e distaccati tra loro.
Tavolini bassi, sedute e divani poggiati in terra creano uno stile accattivante e seducente.
I colori come beige, bianco e il nero si fondono fra loro creando un’ atmosfera calda di rara bellezza.
L’ illuminazione, oltre ai raggi naturali che filtrano dall’ esterno è riservata a lumi e lampade dalle forme particolari, spesso sferiche con rivestimenti in carta di riso.
Anche la disposizione dei mobili segue una precisa logica, per cui, ad esempio, si preferisce collocare il divano poggiando lo schienale verso il muro per trarne un positivo senso di protezione.
Il bagno per un fattore igenico si preferisce distante e non attiguo alla cucina.
Per la preparazione dei pasti, tutto segue lo stile tipico della cucina orientale, con vassoietti in bambù, piatti e recipienti che concorrono ad accentuare la sensazione di vivere in un mondo diverso.
Anche la zona notte, con angoli realx, e materassini per discipline orientali è all’ insegna della semplicità.
Il letto sempre basso è senza spallieria, poggiato a terra o su una caratteristica pedana lineare.
Gli specchi che ostacolano il sonno, non sono appesi alla parte ma si preferisce inserire nelle ante degli armadi.
Per i complementi d’ arredo, i colori utilizzati sono scelti secondo la loro influenza cromatica sull’ uomo. Si prediligono i rossi e l’ arancio, che danno energia per i living e i blu e i verdi, più distensivi per spazi di relax. Le forme degli arredi sono tondeggianti per evitare gli spigoli e l’ oggettistica e ridotta al minimo per evitare il disordine che si crede possa emanare energia negativa.
Non meno importante è l’ importanza data al verde. Numerose piante, fiori orientali e orchidee ornano angoli di tutta la casa è regalano fragranze inebrianti, elementi essenziali per creare un tutt’uno con il giardino esterno.